Convenzione Infratel Italia SpA con i Comuni del Trentino per lo sviluppo della Banda Ultra Larga

Destinatari delle informazioni riportate di seguito: Enti Locali e Operatori TLC

Il progetto di implementazione di una rete a banda ultra larga in Trentino pevede il collegamento ad una velocità di oltre 100Mbps per 232.648 Unità Immobiliari e a oltre 30Mbps per altre 43.540 Unità Immobiliari (per la maggior parte case sparse con caratteristiche orografiche particolari o con un basso bacino di utenza).

Le fasi di attuazione del progetto sul territorio del Trentino sono 4 e saranno avviate con cadenza bimestrale; le attività relative ai comuni ricadenti nella FASE 1 sono iniziate nel novembre del 2017. L'elenco dei comuni suddivisi per fase è disponibile nell'elenco dei documenti riportati in fondo a questa pagina.

Ogni fase di attuazione prevede uno sviluppo temporale attraverso 4 step:

  1. progettazione definitiva degli interventi;
  2. progettazione esecutiva degli interventi;
  3. avvio dei lavori della Conferenza dei Servizi per il rilascio delle autorizzazioni;
  4. apertura dei cantieri.

I progetti saranno depositati all'attenzione degli uffici tecnici comunali come da procedura della Conferenza dei Servizi.

La buona riuscita del progetto è legata alle tempistiche di rilascio dei permessi per la posa della fibra ottica. Lo strumento della Conferenza dei Servizi che coinvolgerà tutti i soggetti coinvolti nel progetto consentirà di acquisire rapidamente tutte le autorizzazioni necessarie per avviare i lavori.


Adesione al progetto

Per aderire al progetto il Comune deve sottoscrivere la Convenzione con Infratel Italia SpA, società del Ministero dello Sviluppo Economico e stazione appaltante per la gara in Trentino.

La Convenzione non è impegnativa dal punto di vista economico per il Comune, ma comporta l'impegno da parte del Comune ad agevolare i lavori e a semplificare l'iter burocratico finalizzato al rilascio dei permessi. La Convenzione deve essere compilata e non può essere modificata.

Attenzione: i Comuni ricadenti nelle rispettive fasi saranno interessati dai lavori di posa della fibra ottica SOLO ED ESCLUSIVAMENTE nel caso in cui abbiano aderito al progetto attraverso la sottoscrizione della Convenzione. La mancata sottoscrizione comporterà l'esclusione del Comune dalla fase di attuazione prevista e lo slittamento ad eventuale fase da riprogrammare dopo la conclusione dei lavori previsti per tutte 4 le fasi.

Tutti i documenti citati nel seguito sono disponibili per la visione in fondo alla presente pagina.

Per la predisposizione della Convenzione fra Comune ed Infratel Italia SpA si invita a:

  1. approvare e firmare digitalmente lo schema di convenzione ricevuto già firmato digitalmente da Infratel Italia S.p.A. (lo schema di convenzione non va compilato o modificato);
  2. compilare e firmare il documento "Allegato 4 - NOTA DI INVIO CONVENZIONE A INFRATEL";
  3. inviare entrambi i documenti all'indirizzo PEC: posta@pec.infratelitalia.it - inserendo nell'oggetto "Convenzione BUL comune ...".

​Per ogni chiarimento è possibile scrivere all'indirizzo di posta elettronica bul@trentinonetwork.it indicando un riferimento telefonico per un celere contatto.

Attenzione: l'indirizzo di posta elettronica indicato sopra è dedicato al progetto Banda Ultra Larga in Trentino, ad uso esclusivo degli Enti Locali e Operatori TLC per l'invio di richieste o chiarimenti a Trentino Network.


Documenti disponibili

LETTERA AI SINDACI DEI COMUNI TRENTINI (in formato .pdf)

Allegato 1 - CONVENZIONE (in formato .pdf)
(solo per visione, da non usare in quanto non firmato digitalmente)

Allegato 2 - DATE DI INIZIO LAVORI (in formato .pdf)
Allegato 3 - SCHEMA DI DELIBERA (in formato .docx)
Allegato 4 - NOTA DI INVIO CONVENZIONE A INFRATEL (in formato .docx)
Allegato 5 - PRESENTAZIONE BUL DI INFRATEL (in formato .pdf)
Allegato 6 - PRESENTAZIONE BUL DI TRENTINO NETWORK (in formato .pdf)
Allegato 7 - PRESENTAZIONE BUL DI OPENFIBER (in formato .pdf)
Allegato 8 - PRESENTAZIONE BUL DI ANCITEL (in formato .pdf)
   

 


La strategia per la banda ultralarga è solo il primo tassello di un progetto più ampio che ingloba gli obiettivi dell’Agenda digitale europea. È il punto di appoggio di una nuova visione dell’Italia che investe in infrastrutture a prova di futuro e grazie allo sviluppo dei servizi si trasforma in una società digitalizzata pienamente inclusiva.