Provincia autonoma di Trento
Seguici su
Cerca

Nuovo digitale terrestre, lo switch-off interessa l’alta val di Non e Bedollo

Mediaset ha anticipato il passaggio al nuovo standard televisivo in alcune aree del Trentino
Dopo le zone di Ala, Avio e di Breguzzo, lo switch degli impianti Mediaset ha interessato in queste ore anche l’alta val di Non e Bedollo. In particolare, i tecnici sono intervenuti sull’impianto in zona Bevia (nel Comune di Revò) che irradia il segnale nelle aree di Amblar (50% il territorio servito dal nuovo segnale televisivo digitale), Don (20%), Fondo (2%) e Livo (95%). Il secondo intervento è stato portato a termine a Bedollo con la copertura dello stesso comune pari al 90%. Complessivamente sono poco meno di 2 mila i nuovi abitanti serviti dal digitale terrestre Dvb-T2. Ricordiamo che Mediaset ha chiesto di anticipare su una parte degli impianti presenti in Trentino la transizione tra il vecchio ed il nuovo standard di televisione digitale, prevista nei primi mesi del 2022.

Il Ministero dello Sviluppo economico (Mise) ha fissato il passaggio in Trentino e nel Nord Italia alla nuova televisione digitale (switch-off) dal 3 gennaio al 15 marzo 2022.

Tuttavia – come annunciato negli scorsi giorni dallo stesso Mise -, la procedura di switch-off avverrà in maniera anticipata, da ottobre al 30 dicembre 2021, in circa 31 comuni del Trentino e per i soli impianti televisivi di Mediaset. La decisione è stata presa - lo sottolinea ancora la stesso Mise - per poter effettuare, nel modo più efficiente possibile, le operazioni di conversione e spegnimento/accensione delle reti televisive degli operatori nazionali e locali in Trentino e in diverse regioni italiane.

Pertanto, in maniera graduale e a seconda del piano di intervento, nei 31 Comuni del Trentino interessati il servizio radiotelevisivo per i canali Mediaset non sarà più fruibile sugli apparati televisivi meno recenti. Anche sugli apparati televisivi più recenti sarà comunque necessario effettuare una sintonizzazione dei canali.

Dal 20 ottobre 2021 tocca ai canali non generalisti Rai e Mediaset

La corsa al nuovo standard digitale porterà con sé ulteriori novità. Dal 20 ottobre prossimo, in tutto il territorio nazionale, alcuni canali televisivi nazionali (non generalisti) di Rai e Mediaset passeranno alla nuova codifica (MPEG-4), che permetterà ai cittadini di usufruire di trasmissioni in alta definizione. A partire da questa data, in tutto il Trentino, tali canali non saranno visibili sugli apparati televisivi meno recenti; mentre sugli apparati televisivi più recenti sarà necessario effettuare una sintonizzazione dei canali.

Da gennaio 2022 lo switch-off completo

Successivamente, nel periodo dal 3 gennaio al 15 marzo 2022, il Trentino entrerà nella nuova era della tv digitale, grazie all’adozione del nuovo standard Dvb-T2.

Ricordiamo che in Trentino, così come in tutta Italia, il nuovo standard Dvb-T2 richiede la sostituzione degli apparecchi più vecchi o l’adozione di un decoder. Le televisioni più recenti passeranno automaticamente al nuovo standard, grazie alla sintonizzazione dei canali. L’utente può in maniera semplice verificare la tipologia del proprio apparecchio, sintonizzando il televisore sui canali 100 o 200: se vedrà il segnale, il televisore è già predisposto per il nuovo standard Dvb-T2; in caso contrario (assenza di segnale), il televisore in dotazione è di precedente generazione.

A tale riguardo, si ricorda che a partire dal 23 agosto 2021 è possibile usufruire del bonus Tv senza limiti di ISEE, rottamando gli apparati televisivi meno recenti. Tutti i dettagli, riguardanti il calendario dello switch-off per le diverse Regioni e il bonus pubblici, sono disponibili presso il sito dedicato alla nuova Tv digitale: https://nuovatvdigitale.mise.gov.it/.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informativa cookiescookies