Provincia autonoma di Trento
Seguici su
Cerca

166

Comuni trentini

0

Comuni in fase di migrazione

166

Comuni migrati

La nuova televisione digitale in Trentino

A 14 anni di distanza dal primo switch off - il 2009 segnò la fine della tv analogica a favore del segnale digitale - la televisione digitale si appresta nel 2022 ad un nuovo cambiamento, con l’avvento dell’alta definizione. 

Tre gli appuntamenti.

1. Riassegnazione (Refarming) delle frequenze

Il Ministero dello Sviluppo Economico (Mise) ha fissato dal 15 al 23 febbraio 2022 la ridistribuzione in Trentino delle frequenze tra le emittente televisive. Per ragioni di armonizzazione con le Regioni e Province limitrofe, il calendario è stato anticipato in alcune aree: 4 febbraio nel Comune di Bondone, in valle del Chiese al confine con la Lombardia; 8  febbraio nel comune di Vermiglio (alta val di Sole sempre al confine con la Lombardia) e il giorno 14 febbraio in alta val di Non e parte della val di Sole, in contemporanea con alcune zone dell'Alto Adige. 

Secondo il piano di refarming, la provincia di Trento è stata divisa in otto aree geografiche, una per ogni giorno, così da garantire la copertura di tutti i 166 Comuni trentini.

La redistribuzione delle frequenze tra le emittenti radiotelevisive ha comportato per i cittadini trentini la risintonizzazione dei canali, avvenuta, per ogni singola area geografica e i Comuni interessati, il giorno stesso dell’intervento (tardo pomeriggio o sera).

Per quasi tutte le Tv la procedura di risintonizzazione avviene automaticamente. Se invece il televisore non supporta la funzionalità di automatica, si è reso necessario risintonizzare manualmente i canali. 

2. L’alta definizione MPEG-4

L’8 marzo 2022 è stato adottato su tutto il territorio nazionale il nuovo codice di trasmissione dei contenuti MPEG-4, cioè l’adozione dell’alta definizione, pur mantenendo lo standard DVB-T attuale.

Anche in questo caso era consigliata la risintonizzazione dei canali. 

Tutti i canali in HD sono passati dalla numerazione 500 ai primi numeri del telecomando: ad esempio Rai 1 HD si è spostato al numero 1, mentre la versione precedente (Mpeg-2) si è posizionata al numero 501.

Alcuni televisori, soprattutto i più obsoleti, potrebbero non ricevere l’alta definizione e quindi il segnale televisivo non è più visibile. In questo caso è necessario dotarsi di un decoder o sostituire il proprio apparecchio.

3. Il nuovo standard DVB-T2

Dal 1 gennaio 2023, la televisione italiana adotterà in via definitiva lo standard DVB-T2. Tutti i canali nazionali trasmessi con codec video Mpeg-2 dovranno essere spenti entro la fine del 2022, e chi non possiede un TV o decoder compatibile non potrà più vederli.

Il passaggio alla nuova televisione digitale è promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), che ha definito modalità e tempistiche della transizione.

Le nuove frequenze di trasmissione e i nuovi standard di codifica consentiranno alla televisione digitale terrestre di fare un salto di qualità, sia in termini di efficienza (adottando tecnologie all’avanguardia, come i nuovi standard di compressione video), sia in termini di migliore qualità del segnale televisivo e un maggior numero di servizi. 

Per favorire l’adozione dei nuovi standard televisivi e l’adeguamento degli apparecchi più obsoleti, il Mise ha previsto due contributi statali: il Bonus TV – Decoder  e il Bonus Rottamazione TV .

Su questo sito trovi tutte le informazioni e il calendario aggiornato dell’arrivo della nuova televisione digitale in Trentino.

Informazioni
Link utili
    Nuova TV digitale
Cerchi aiuto?

  1. Contatta il Mise
       
  2. Leggi le Faq
        
  3. Scrivi a Trentino Digitale
       
  4. Contatta Trentino Digitale - Area Enti Locali
    email: area.entilocali@tndigit.it 
    tel: 0461-020157
Materiale per i comuni

Calendario della riorganizzazione delle frequenze

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito il calendario della riorganizzazione delle frequenze (refarming) in Trentino.

Elenco dei Comuni e delle date del refarming: clicca qui e cerca il tuo Comune.

Qui sotto trovi, organizzate per date, le aree in Trentino interessate dal refarming.

*Dati forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico

04 febbraio 2022

Bondone (Valle del Chiese)

08 febbraio 2022

Vermiglio (Val di Sole)

14 febbraio 2022

Alta Val di Non (Cles), Val di Sole (Malè) e Vermiglio

15 febbraio 2022

Valli di Fiemme e Fassa, Primiero

16 febbraio 2022

Giudicarie, Val Rendena e Valle dei Laghi

17 febbraio 2022

Basso Garda

18 febbraio 2022

Valli di Non e Sole e Val Rendena

21 febbraio 2022

Valsugana, Vanoi e Primiero

22 febbraio 2022

Valle dell’Adige e Vallagarina

23 febbraio 2022

Val di Non, Valle dei Laghi, Valle dell’Adige, Altopiano Lavarone e Folgaria, Roverè della Luna e Alta Valsugana